Incontro dei Seminaristi Svizzeri 2019

Pubblicato giorno 23 ottobre 2019 - Diario, In home page

175697a9-2836-4eb6-be33-9547b1844fba
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Sabato 19 e domenica 20 ottobre 2019 anche il Seminario San Carlo di Lugano ha partecipato al raduno di tutti i seminaristi della Svizzera. Questo evento ha avuto luogo a Sion, nella Svizzera francese.

be6140c2-6ab9-49f4-bb83-009e7a201f83

bed61648-6e13-422a-9630-71307bd9b743

25e8b60f-aa8f-43b0-86b8-ffbebb6e2130

I seminaristi che hanno partecipato a questo incontro erano poco più di trenta, accompagnati dai propri rettori. Durante questi due giorni abbiamo avuto l’occasione di conoscerci meglio, di pregare il Signore tutti insieme e, mangiando a tavola, abbiamo potuto condividere la gioia dello stare insieme. Alla fine, abbiamo anche incontrato il vescovo della diocesi che ci ha accolto. L’ultimo giorno abbiamo concluso il nostro incontro con la Santa Messa solenne nella Cattedrale di Sion, presieduta da S.E.R. Mons. Jean-Marie Lovey, vescovo di Sion.

9ef18f78-f457-4abe-84b6-c46c66870a61

c415dcd0-af78-4f29-9772-c26854479020

9f2457f7-c5e0-411d-9c32-074c79fa5c69

È stata un’esperienza molto bella che ci ha permesso di conoscerci tra di noi, condividere le nostre esperienze nei seminari, ma anche riflettere sulle difficoltà che incontriamo, visto che tutti siamo in cammino verso il sacerdozio.

Il vescovo ci ha ricordato l’importanza della missione di andare nel mondo e penso che ciascuno di noi si è reso conto dell’importanza profonda della nostra vocazione. Siamo invitati ad andare nel mondo, siamo chiamati e inviati, portando la bella notizia del Vangelo a tutte le persone. Come anche Gesù ci ricorda, noi non siamo del mondo, ma siamo nel mondo e dobbiamo fare il meglio possibile.

56317e39-c3e0-4735-9feb-f27f0ba0461f

Sono convinto che questa esperienza maturerà col tempo portando molti frutti e ci terrà uniti soprattutto nella preghiera fino al prossimo incontro che verrà organizzato. Ringraziamo il Signore perché ci ha chiamati e, pur essendo peccatori e fragili, ha deciso di amarci fino in fondo. Con l’umiltà rendiamo grazie per questo dono sapendo che non è nostro merito, ma è una grazia, come ci ricorda Sant’Agostino: “Dio, se tu per primo non mi avessi cercato, io non ti avrei mai trovato”.

Matej Jurisic

Condividi su:   Facebook Twitter Google